ELEZIONI

L'appello per Gasparato
e il caso Valbusa

25/01/2018 14:55

Ultimi giorno di caos, nella formazione delle liste per le politiche di 4 marzo.

In ogni partito nasce ogni minuto almeno un “caso” da risolvere.

A Verona, ce ne sono adesso due decisamente inediti.

Il primo, cui avevamo accennato nella nota precedente, riguarda Matteo Gasparato, presidente del Consorzio Zai e leader di Verona Domani.

I “suoi” consiglieri comunali hanno firmato una lettera-appello al sindaco Sboarina, chiedendogli di impegnarsi affinchè Gasparato sia candidato al Parlamento in una delle liste del centrodestra (sic!).

Richiesta davvero inusuale.

Difficile che il primo cittadino possa intromettersi nella bagarre dei partiti (di cui formalmente non fa neppure parte).

Ma in queste ore, tutti tentano di tutto.

Il secondo caso insolito riguarda la leghista Vania Valbusa. Candidata al Parlamento per il Carroccio. Ma contestata dai suoi perché, nella giunta comunale di Valeggio, lei era rimasta a fare l’assessore nella giunta Tosoni, mentre il Carroccio era passato all’opposizione.

Di qui polemiche, discussioni e litigi a raffica.

E si prosegue così, in tutti i partiti, fino a domenica (le liste vanno presentate entro lunedì).


 
Nessun commento per questo articolo.
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA